fbpx
Slide toggle

Welcome to Zass

La copertina, morbida e leggera, diventerà un’inseparabile coccola nella crescita del tuo bambino. Colorata e personale, lo accompagnerà dalle passeggiate al parco alla nanna nella cameretta.

Have a Question?

Monday - Friday: 09:00 - 18:30 409 Mladost District, Sofia Bulgaria +359 2 123 456 +359 2 654 321 shop@zass.con

Jingle Bell

Il silenzio avvolgeva il paesaggio mentre la neve scendeva leggera, danzando tra gli alberi e ricoprendo il suolo con uno strato candido.
Il calore del caminetto abbracciava la stanza, e nella sua luce, trovavo rifugio accanto a Tobia, il cui sguardo si alzava solo di tanto in tanto al suono delicato delle pagine che giravo con attenzione.
Un vecchio disco di musica natalizia, scovato in un negozio vintage, suonava in sottofondo, indifferente al suono della sveglia del forno che annunciava i biscotti appena sfornati.

Biscotti, caminetto, neve: un tableau magico, un istante fuori dal tempo.

Mi sembrava di essere protagonista di un film, di quelli che ci fanno sognare dall’inizio di Dicembre alla fine dell’anno.

Ma questo idillio nascondeva una verità più cruda.

Mentre ci immergiamo nelle festività, circondati da regali e preparativi culinari, è facile dimenticare la realtà più ampia che ci circonda. Guardando le immagini del mondo, vediamo guerra, crimini, femminicidi, tragedie che si susseguono, ma spesso ci distacchiamo emotivamente. Ci sentiamo anestetizzati di fronte a queste notizie, come se appartenessero a un mondo parallelo.

Il Natale si avvicina, ma la frenesia delle festività sembra distante dalla dura realtà.

Come ci vestiremo per la cena di Natale?

Quali regali faremo?

Ecco dove il surrealismo si scontra con la vita reale. È assurdo, e non possiamo permetterci di abituarci a questa dissonanza.
Siamo parte di un mondo condiviso, dove la sofferenza altrui dovrebbe scuoterci e spingerci a reagire. Le persone coinvolte nelle tragedie quotidiane sono le nostre sorelle, i nostri figli; condividono le stesse esigenze fondamentali di vivere, sognare e amare. Ma se queste opportunità sono negate a qualcuno, la bellezza del nostro mondo perde il suo significato.

Non voglio solo pensare di cambiare il mondo con un pensiero. Sappiamo che la realtà è più complicata. Ma possiamo fare qualcosa. Non possiamo permetterci di girare le spalle alle ingiustizie, di ignorare il dolore. Vorrei che ci rifiutassimo di abituarci a questo scorrere indifferente davanti alle tragedie, di non relegare la sofferenza al mondo virtuale dei social e dei notiziari.

Guardo la scatola delle decorazioni, pesante ogni anno di più. Mentre inizio a decorare l’albero, una pallina mi scivola di mano, cade al suolo e si frantuma, emettendo un suono assordante.

Un grido, forse, un richiamo a non ignorare la fragilità della vita, a non perdere di vista la cruda realtà del nostro mondo.

show